Film In Sala 14 settembre: leggerezza ed impegno!



Dopo la pausa estiva, la “macchina” del cinema si rimette in moto e tornano i week end in sala! Questo fine settimana ce n’è un po’ per tutti i gusti dal genere fantahorror di Prometheus di Ridley Scott alla commedia romantica di Cosa Aspettarsi Quando Si Aspetta, con Cameron Diaz e Jennifer Lopez, dal Leone d’Oro Pietà di Kim Ki-Duk a È stato il figlio di Daniele Ciprì.

Annunciato come il prequel della fortunata serie di Alien, Prometheus segna il ritorno di Ridley Scott al fantahorror, con Charlize Theron, Noomi Rapace, Micheal Fassbender, Guy Pearce e Logan Marshall. Il film segue le vicende di 2 giovani scienziati sulle tracce di una vita aliena che avrebbe dato inizio alla razza umana. Per conoscere la verità, così, organizzano una spedizione nello spazio.

Cambio di scenario con Che Cosa Aspettarsi Quando Si Aspetta, una commedia romantica del regista Kirk Jones, che ruota attorno al tema della gravidanza e alle attese e le sorprese che derivano dal diventare genitore. L’arrivo di un figlio può davvero rivoluzionare la vita ed è proprio quello che accade alle 5 coppie protagoniste di questo film, che fa sì sorridere, ma non solo. La gravidanza, infatti, diventa anche spunto di riflessione.

Distante anni luce dallo spazio intergalattico di Prometheus e dai colori vivaci della commedia, arriva nelle sale Pietà di Kim Ki-Duk, Leone d’Oro alla 69esima Mostra del Cinema di Venezia. Davvero bello l’omaggio alla Pietà di Michelangelo che troneggia nel titolo del film, quanto nella locandina. Il film racconta la storia di uno spietato esattore di debiti di nome Gang-Do, a sua volta al servizio di capi altrettanto spietati, che non si fa scrupoli di storpiare i poverissimi operai in un vecchio quartiere popolare di Seoul pur di intascare le polizze assicurative. Tutto lascia pensare che Gang-Do sia un uomo perfido e senza cuore, fino a quando non entra in scena una donna, che poi si scopre essere sua madre, convinta che se il figlio è diventato quel mostro è soltanto colpa sua, e cerca di recuperare il tempo perduto. Bella trovata, qualcuno l’ha definita “furba”.

Passiamo ad un altro film protagonista al Festival del Cinema di Venezia 2012, È Stato Il Figlio, di Daniele Ciprì, un’altra parabola umana sull’avidità, tratta dall’omonimo romanzo di Robert Alajimo. Il film, infatti, racconta la storia di una famiglia che vive in una periferia degradata di Palermo e per sopravvivere si barcamena come può. L’unica cosa che gli resta è sognare, perché tanto non costa nulla… tranne che in questo caso.

Per chiudere in bellezza, Gli Equilibristi, un film di Ivano De Matteo, un regista ancora poco noto, ma non per questo meno bravo, anzi. Il film vede protagonista un uomo, Valerio Mastandrea, che a causa di una sbandata perde tutto, la sua casa, la moglie, interpretata da Barbara Bobulova, e il figlio. I due si separano, ma ben presto scopre che il suo stipendio non basta a garantirgli una vita dignitosa tra gli alimenti per la moglie e gli imprevisti.


Film In Sala 14 settembre: leggerezza ed impegno!